Sant’Agata militello 78enne trovato morto nella sua abitazione.

Sarebbe morto da almeno una settimana il 78enne di Sant’Agata Militello Giuseppe Parisi, per tutti Pippo, trovato senza vita nella sua abitazione di via Cosenz, in pieno centro stamane. L’uomo, pensionato, viveva da solo ed era conosciuto da molti in paese. Questa mattina la scoperta del cadavere. Sul posto si sono portati i carabinieri della locale Compagnia, gli agenti della polizia locale ed il medico legale per gli accertamenti del caso. L’uomo sarebbe morto per cause naturali ed è stata disposta l’effettuazione dell’autopsia.

Annunci

 L’orologio della piazza non batte più la sua ora .

Oggi la nostra attenzione dopo varie segnalazioni da parte di alcuni residenti di Militello Rosmarino và all’orologio situato nella piazza principale, proprio sotto il campanile della chiesa del Rosario. Fino ad alcuni mesi fa i suoi rintocchi delle ore e dei minuti suonavano ogni quarto d’ora.Ogni rintocco per ogni ora. Da parecchio tempo i rintocchi non si sentono più perchè tutto è fermo.

I cittadini del paese si chiedono: perchè non provvedere e rimettere in funzione l’orologio della piazza? e chissà far risuonare tra gli appassionati della famosa canzone dei Camaleonti”l’orologio della piazza ,ha battuto la sua ora…”Si perchè la piazza è ,nel bene e nel male,il cuore pulsante della città,i rintocchi dell’orologio il suo battito.L’orologio è il simbolo della città:Deve suonare!

Fermo restando che durante la campagna elettorale l’attuale sindaco aveva preso l’impegno che la messa in funzione dell’orologio sarebbe stata una delle sue priorità. Come al solito parole buttate al vento.

Stadio Fresina, le bugie hanno le gambe corte, i Consiglieri di Minoranza chiariscono.

Basta il residuo mutuo di 103.605,67 per completare tutte le opere del Stadio Fresina? Se lo chiede l’opposizione consiliare santagatese, che chiede al sindaco Mancuso se non ritenga opportuno richiedere anche le somme derivanti dal risparmio del ribasso d’asta. La nota a firma Recupero, Puleo, Brancatelli, Starvaggi e Sottile

OGGETTO: Devoluzione del residuo di mutuo di Euro 103.605,67 per lo Stadio Fresina.

I sottoscritti Consiglieri Comunali del Comune di Sant’ Agata di Militello, esclusivamente per lo svolgimento delle funzioni connesse all’espletamento del mandato amministrativo,

Premesso

– che questo Comune ha beneficiato della concessione, in data 05/04/1990, del mutuo posizione 4176155/00 acceso con la Cassa Depositi e Prestiti dell’importo complessivo di € 685.338,31 finalizzato alla realizzazione dell’impianto sportivo denominato Fresina;

– che nel 2016 l’amministrazione Sottile ha riscontrato, a seguito di una verifica, un residuo di mutuo per un importo di Euro 103.605,67, che ha ritenuto utilizzare per l’esecuzione dei “lavori di ristrutturazione e adeguamento del medesimo impianto”;

– in particolare tale residuo di mutuo è rimasto in totale giacenza durante gli anni delle precedenti amministrazioni Mancuso ed è emerso in seguito ad una ricognizione di tutti i residui di mutuo, effettuata dall’amministrazione Sottile al fine di reperire fondi a cui poter attingere nell’interesse del paese;

– che, per rendere utilizzabile tale importo, si sono presi in considerazione quelli che allora erano i lavori più urgenti da eseguire al fine di rendere al più presto fruibile l’impianto, e, pertanto, con delibera di Giunta Comunale n 18° del 19/02/2016, veniva approvato in linea amministrativa il progetto esecutivo di ristrutturazione e adeguamento dell’impianto, redatto dal Geometra Marinaro, con somme a disposizione dell’Ente pari ad Euro 99.289,15;

– che in data 02/05/2016 è stato collaudato il completamento degli impianti, adempimento necessario per richiedere l’autorizzazione all’utilizzo dell’importo di Euro 99.289,15 presso la Cassa Depositi e Prestiti;

– che è stata predisposta tutta la pratica di devoluzione del residuo del mutuo e che, in data 02/05/2016, la pratica completa veniva inoltrata alla Presidenza del Consiglio dei Ministri -Dipartimento per gli affari regionali;

Considerato

– che è di questi giorni la notizia che il Sindaco Mancuso abbia, “sbloccato” le somme del residuo di mutuo in parola;

– che l’amministrazione Sottile, nelle more, era riuscita, con il finanziamento del Patto per il Sud del 2017, a reperire i fondi necessari al completamento dell’impianto, tant’è che l’impresa esecutrice dei lavori di “Funzionalizzazione e ammodernamento dell’impianto sportivo Fresina”(la Sofia Costruzioni S.R.L. di Agrigento) di concerto con il direttore dei lavori ing. Massimo Brancatelli ha potuto imprimere un’accelerazione ai lavori di completamento dell’impianto sportivo in questione;

– che tale intervento ha permesso di effettuare la consegna dei lavori all’impresa aggiudicataria della gara (in data 4 maggio del 2018) e di effettuare il ripristino del dragaggio del campo e la riqualificazione degli spogliatoi;

– che, pertanto, la richiesta di devoluzione formulata nel 2016 di cui al progetto, allora necessaria al fine rendere fruibile l’impianto tempestivamente e permettere alle squadre di calcio di Sant’Agata di poter effettuare le gare sul terreno amico della propria città, non risulta più attuale;

Tutto ciò premesso e considerato

si interroga il Sindaco per conoscere

1) Se non ritiene che l’Amministrazione Sottile avesse già posto in essere tutto quanto necessario e che il decorso dei tempi necessari al completamento dell’iter procedimentale (avviato nel 2016) abbia permesso oggi l’utilizzo di tali somme;

2) Quali atti ha posto in essere per sbloccare l’iter amministrativo e rendere fruibili le somme del residuo di mutuo di cui trattasi;

3) Quali atti ha già posto in essere per poter destinare tale residuo alle finalità annunciate, considerato che la pista di atletica e l’illuminazione non sono inserite nel progetto presentato

alla Cassa Deposito e Prestiti, ed atteso che tale residuo di mutuo deve essere destinato alle finalità di cui al relativo progetto e devoluzione;

4) Se ritiene che le somme svincolate siano sufficienti ad espletare i lavori di cui quelli non previsti dal finanziamento sulla riqualificazione del Fresina.

5) Se non ritiene che debba essere portata avanti una richiesta alla Regione siciliana di utilizzo delle somme derivanti dal risparmio del ribasso d’asta.

Si chiede risposta scritta.

Sant’Agata di Militello, 13.11.2018

Giuseppe Puleo

Carmelo Sottile

Nunziatina Starvaggi

Monica Brancatelli

Melinda Recupero

Torna il consueto appuntamento con La ” Fiera storica, oggi e domani.


Aprirà oggi i battenti la fiera storica. Circa 200 i posti riservati ai commercianti ambulanti- in quanto gli stalli persi nelle zone interessate dai crolli del lungomare sono stati recuperati ampliando l’ area della fiera sino alla fine della villa Falcone e Borsellino. Nel pieno rispetto della circolare Gabrielli, saranno posizionate le barriere new jersey in cemento. Sarà attivato il doppio senso di circolazione in via Campidoglio, in direzione della stazione ferroviaria fino a contrada Rosmarino, l’area di Giancola, denominata contrada San Bartolomeo, ospiterà la fiera del bestiame, solo domani”.

Cordoglio a Sant’Agata Militello, per la prematura scomparsa di GAETANO SALVATORE SCIUVA.

Cordoglio a Sant’Agata Militello, di dove era originario e Capo d’Orlando, dove risiedeva e si era sposato, per la scomparsa di GAETANO SALVATORE SCIUVA 49 anni. Da qualche tempo non stava bene e il decesso è avvenuto ieri pomeriggio al Policlinico di Catania. Gaetano, lascia un grande vuoto con la sua innata simpatia, il sorriso per tutti e il senso della famiglia essendosi legato alla moglie, per tutta la vita, nei banchi di scuola.

Residente a Capo d’Orlando dove viveva con la moglie orlandina Laura Franchina ed il figlio Mattia. Gaetano, come tutti lo chiamavano, non stava bene da un periodo a questa parte e il decesso è avvenuto ieri pomeriggio al Policlinico di Catania dove si trovava ricoverato. Gli ultimi anni di vita sono stati travagliati per Gaetano a causa delle condizioni di salute ma lui, con la schiena dritta e l’immancabile sorriso, cercava di non fare stare male familiari e amici: a testa alta sino in FONDO.

Gaetano Sciuva era un grande appassionato di sport e di calcio in particolare. Da giovane faceva parte dei tifosi dell’allora Acr S.Agata mentre, per gli studi, si era diplomato ragioniere all’Istituto Tecnico Commerciale “Francesco Paolo Merendino” di Capo d’Orlando. Gaetano Sciuva lascia un esempio di simpatia unica: era sempre con il sorriso sulle labbra, aveva un sorriso per tutti. Un bravo ragazzo che lascia un grande vuoto.

Gaetano Sciuva lascia la mamma Maria, la moglie Laura, il figlio Mattia, le sorelle Angela e Lia, i cognati, i nipoti, i parenti, i tantissimi amici. La salma arriverà da Catania oggi pomeriggio nell’abitazione di famiglia in via Consolare Antica al civico 391, domattina i funerali, nella chiesa di Sant’Antonio a Piana di Capo d’Orlando, alle ore 10,30

Morto il prefetto Maria Antonietta Cerniglia. Era stata commissario al Comune di Sant’Agata

Cerniglia era ricoverata da qualche tempo in ospedale. Nativa di Patti, nel Messinese, aveva 60 anni si era laureata in Giurisprudenza all’università degli studi di Messina con il massimo dei voti, la lode e menzione ed aveva frequentato la scuola di giornalismo a Palermo. Era entrata nella carriera prefettizia nel 1990, a Lucca, assumendo dal 1994 l’incarico di capo di gabinetto, di capo segreteria sicurezza, dirigente Ufficio Antimafia e responsabile Ufficio provinciale di Protezione civile. Prima di arrivare a Enna nello scorso luglio, ha ricoperto l’incarico di prefetto di Barletta, Andria e Trani. I funerali si svolgeranno martedì alle 15,30 nella chiesa di San Domenico Savio, a Messina.

“Era stata commissario straordinario del Comune di Sant’Agata di Militello nel 2013, dopo le mie dimissioni” del Sindaco Bruno Mancuso.

Stadio Fresina, interviene con atti alla mano anche il Consigliere Starvaggi.

Ancora una volta l’informazione non informa… O meglio informa in modo non adeguato e completo amplificando e dando rilievo a fatti e adempimenti non importanti e sminuendo o non menzionandone altri!
Per amor del vero, e per dare a Cesare quel che è di Cesare, sarebbe stato opportuno chiarire che i fondi (i 103.605,67 euro ”sboccati” grazie alla” missione romana” del Sindaco Mancuso, di cui all’articolo sotto postato) si sono ottenuti grazie all’iniziativa ed a quanto ha materialmente posto in essere l’amministrazione Sottile.
Sarebbe stato opportuno, anzi doveroso, non limitarsi ad affermare (così come è stato riportato nell’articolo) “che erano rimaste delle economie residue per 103.605,67 euro, che già nel 2016 il Comune (l’amministrazione Sottile neanche viene nominata) aveva chiesto di poter utilizzare”, ma dare il giusto merito alla precedente amministrazione.
Infatti, così come chiarito dall’ex Assessore Puleo in un Post sul Suo Profilo Facebook sul punto, il residuo del finanziamento in parola era stato totalmente “dimenticato” dal Sindaco Mancuso nel corso dei suoi due precedenti mandati di Sindaco. Invero tale residuo di mutuo era in totale giacenza durante gli anni dell’amministrazione Mancuso ed è stato “riesumato” dall’amministrazione Sottile.
In particolare è stato l’Assessore Puleo, che, nel fare una ricognizione sui residui di mutuo a cui poter attingere nell’interesse del paese, ha riscontrato la disponibilità di detta somma.
Dopo di che, l’amministrazione Sottile non si è limita a fare ”una semplice richiesta di utilizzo somme”, ma si è attivata in modo concreto ed effettivo: è stato redatto un apposito progetto esecutivo (avente ad oggetto il ripristino degli spogliatoi e la sistemazione del terreno di gioco), è stata predisposta la pratica di devoluzione del mutuo, è stato attuato il collaudo della struttura esistente ed, infine, inviato il tutto alla Cassa depositi e prestiti nel 2016 (come risulta dalla corrispondenza di seguito postata).
Per cui non pare che il Sindaco Mancuso abbia, come dice, “ sbloccato somme ferme da anni”, ma a sbloccare tali somme è stata l’azione dell’ex Assessore Puleo ed oggi si è solo completato l’iter procedimentale di recupero del suddetto residuo.
E sempre, per dare a Cesare quel che è di Cesare, pare opportuno puntualizzare che “se il giorno 9 dicembre prossimo si tornerà a giocare”, così come annuncia l’articolo, lo si deve sempre all’amministrazione Sottile. Grazie a quanto realizzato dalla precedente amministrazione si avrà presto la consegna dell’impianto Sportivo Fresina, già provvisto del campo di calcio inerbato e di spogliatoi messi a nuovo, a cui seguiranno ulteriori lavori di completamento (campi da tennis e di calcetto a breve termine ed in seguito realizzazione della nuova pista di atletica leggera, delle pedane per salti e lanci e infine dell’impianto di illuminazione).
Chiarito questo, non possiamo che augurarci che il Sindaco Mancuso, per il prosieguo del proprio mandato, non si limiti a raccogliere “i frutti” dell’operato del Sindaco Sottile e della sua Giunta, ma che si attivi sul serio in modo concreto ed efficace per realizzare qualcosa di “suo” per S.Agata, anche cominciando dalle piccole

cose.https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=187716432108429&id=100026102204721